addominoplastica

Un intervento provato e preciso, per dire addio alla prova costume

Anestesia

Generale

Durata

2 - 5 ore

Ospedalizzazione

1 o 2 giorni (minimo)

Riposo

7 - 15 giorni

L'intervento

Un’addominoplastica ridefinisce i contorni dell’addome. Le donne generalmente vogliono sottoporsi all’operazione perché non amano o non si sentono bene di fronte all’aspetto del loro addome e vogliono vivere senza doversi preoccupare della loro figura, specialmente in spiaggia o nell’indossare i vestiti che preferiscono. La tasca addominale allentata può provocare inoltre altri problemi, tra cui la difficoltà nel mantenimento dell’igiene personale e il disagio psicologico nelle relazioni.

L’addominoplastica viene eseguita attraverso la rimozione chirurgica del grasso e dell’eccesso di pelle dall’addome e talvolta dalla vita e dai fianchi. I muscoli situati in mezzo all’addome, i retti addominali, sono in genere trazionati nello stesso intervento.

 

Per chi?

È indicata alla maggior parte di donne che, dopo un parto, a causa della perdita di tonicità del proprio addome, hanno cominciato a non piacersi.

Inoltre, spesso, anche in soggetti senza figli, si viene a sviluppare un rigonfiamento o una protuberanza di grasso nella parte bassa dell’addome (in genere a partire dal periodo successivo alla pubertà). In questi soggetti nessun tipo o quantità di dieta ha effetto, e nemmeno attività motorie come la ginnastica o la corsa. Alcune persone sono infatti più predisposte di altre ad avere depositi di grasso in queste aree.

Purtroppo l’attività fisica, la dieta o l’utilizzo di creme cosmetiche non sono in grado di migliorare i tessuti rilassati. Il collagene e le fibre elastiche della pelle, che generalmente mantengono fermo e tirano il derma, possono essere irrimediabilmente allentati durante le gravidanze.
L’unico modo soddisfacente per ridare l’aspetto e la forma è di rimuovere la pelle rilassata, chirurgicamente, e ridisegnare l’area con un’addominoplastica. 

Questa modalità di trattamento è analoga per un addome allargato o protrudente.

Pensiero del Dr. Papaleo

“Ciò che mi sta a cuore è migliorare il suo addome rispettando la naturalezza e l’equilibrio del suo corpo.
Durante il nostro primo incontro valuteremo insieme quali scelte prendere in base alle condizioni della sua pelle, e le spiegherò quale tecnica chirurgica è più adatta a lei.”

Alcuni dettagli

L’addominoplastica è sempre effettuata in anestesia generale in struttura ospedaliera. La paziente sarà ammessa in clinica o il giorno prima della chirurgia o la mattina dell’operazione.
Prima dell’operazione il chirurgo visiterà la paziente per marcare le aree esatte da trattare per la liposcultura o per il taglio chirurgico.
La tecnica utilizzata dipende dal tipo di operazione che il chirurgo e la paziente sceglieranno.
La chirurgia può avere una durata variabile dalle due alle cinque ore, dipendendo dall’estensione del campo da trattare e dalle eventuali tecniche chirurgiche associate.

Dopo l'intervento

Generalmente, la paziente viene dimessa il giorno dopo l’intervento. Tuttavia, se dovesse necessitare di una liposcultura estesa ai fianchi con trazione dei muscoli, e una resezione di un largo quantitativo di adipe, dovrà attendersi un ricovero ospedaliero di almeno due giorni.
La paziente inoltre dovrà aspettarsi di restare a casa dal lavoro per una o due settimane, in caso di chirurgia estesa. Dovrà evitare il sollevamento di pesi per tre quattro settimane se i muscoli sono stati trazionati.

Ritorno alla normalità: il suo nuovo aspetto

“La seguirò passo dopo passo nel ritorno alle normali attività.
I lividi dell’operazione si riassorbiranno in 15 giorni. Dovrà inoltre indossare una guaina elasticizzata per circa 21 giorni.

Insieme possiamo donarle l’aspetto che più desidera.”

Dr. Maurizio Papaleo
Chiudi il menu